Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Danni al manto stradale per maltempo. Percorsi da rally!

str bucata

La neve e la pioggia, che per diversi giorni sono penetrati sotto la pavimentazione stradale, hanno determinato un effetto di dilavamento del materiale inerte sottile (sabbia e filler) dal sottofondo. La bassa temperatura, inoltre, ha irrigidito il conglomerato bituminoso della pavimentazione stradale rendendolo particolarmente fragile. I due fenomeni, insieme al passaggio dei veicoli stradali, hanno provocato il cedimento del sottofondo, la rottura della pavimentazione stradale e la formazione delle buche.

Sembra questo quello che è accaduto alle strade turesi in questi ultimi giorni, ma non possiamo sorvolare sullo stato in cui versano tutte le vie del nostro paese. “Si attende il termine di lavori” – ci si sente rispondere, ma continuano ad infuriare sul nostro forum o sulle pagine Facebook commenti di cittadini irritati dalla degradazione delle nostre strade. Da via Conversano, ormai impercorribile con una vettura qualsiasi e che richiede fuoristrada o cingoli, in via Casamassima, che a pochi mesi dal suo rifacimento sembra collassare e ridare ai tanti nostalgici dei “ricami” un regalo inatteso.

Alcuni lettori ci hanno segnalato la situazione disastrosa in cui versava via Leonardo Zaccheo interessata, fortunatamente nella giornata del 15 febbraio, ad un’opera di restauro che evita così gravi danneggiamenti alle autovetture e agli stessi pedoni. Come potete vedere dalle nostre foto, il dislivello era divenuto eccessivo e non sono mancate auto che non sono riuscite ad evitarle. Per un intero isolato al centro strada, come al suo margine, crateri di almeno venti centimetri che rendevano impossibile la percorrenza della stessa strada.

Ma tante altre sono le zone di Turi che necessitano di un ritocco, non momentaneo, ma di uno che permetta a tutti i turesi di avere strade da percorrere, senza timore di rovinare la propria auto o provocare incidenti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI