Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

“La guerra” sui banchi di scuola

Don Nicola

Difficile restare in silenzio dinanzi ad uno spiacevole episodio che ha interessato, ancora una volta, il mondo scolastico turese.

Dopo alcune segnalazioni giunte alla nostra redazione, abbiamo voluto approfondire la vicenda che ha visto coinvolti i ragazzi delle quinte classi della Scuola Primaria “De Donato Giannini” e le loro famiglie, impegnate in questi giorni nell’iscrizione alle prime classi della Scuola Secondaria di primo Grado per l’anno scolastico 2012/2013.

Da quanto abbiamo appreso, pare che nella scorsa settimana, presso le classi quinte della scuola primaria, siano circolate brochure informative su una scuola media di un comune limitrofo, quello di Casamassima, presentato anche attraverso la presenza di un membro della stessa, che ha illustrato la propria scuola agli alunni. Comportamento scorretto da parte non solo di alcuni genitori, ma soprattutto da parte dello stesso preside della Scuola Media turese, che commenta amareggiato quanto appreso dalla stessa voce di alcune famiglie. “Non comprendo il comportamento del mio collega, dinanzi all’impegno che quotidianamente io e tutto il corpo docente e non docente impiega nei confronti dei ragazzi”. Qualcuno ha interpretato quest’azione come una “guerra per il dimensionamento” ma non si può restare sorpresi nel momento in cui, piuttosto che valorizzare il proprio territorio, le proprie risorse, le proprie opportunità, si dia spazio a realtà che potrebbero danneggiare il lavoro profuso sino a oggi. Con laboratori attrezzati grazie ai Fondi Europei di Sviluppo Regionale, la scuola media turese ha dimostrato di offrire un percorso educativo ed informativo che nulla ha da invidiare ad altre realtà scolastiche. Con i suoi laboratori telematico-multimediali; scientifico; linguistico; artistico; una sala video, l’ampia palestra e la Sala teatro, sono in grado di garantire e promuovere l’offerta didattico formativa che si arricchisce con i tanti progetti PON.

Tutti noi ricordiamo però che in questi giorni si attendono i pareri regionali che determineranno il futuro scolastico degli istituti turesi e non si può sottovalutare come discordi siano i giudizi dei due dirigenti scolastici delle Scuole Primaria e Secondaria di Primo Grado di Turi sul dimensionamento scolastico, ma ci auguriamo che questi non abbiano mosso l’azione che abbiamo appreso. Non sono mancate inoltre, dal mondo associativo e politico locale, parole di sostegno al preside Brienza che sta dimostrato come la sua scuola stia crescendo grazie al lavoro dei docenti e ai tanti progetti che si stanno realizzando. “Quest’anno – ci mostra il Preside - i ragazzi stanno affrontando “Educazione allo sviluppo sostenibile: “Raccolgo, riciclo , riuso”; “Progetto solidarietà AMO PUGLIA e UNICEF”; “Progetto laboratorio scenografico “dall’idea alla realizzazione espressiva”; “Progetto autovalutazione d’istituto”; “Progetto “acqua”; “Progetto pallavolo”; Progetto “il quotidiano in classe” in collaborazione con La Gazzetta del Mezzogiorno; Progetto educazione alla legalità e ai valori “Aldo Moro”; Progetto cineforum; Progetto: “Impariamo ad Imparare”; Progetto “Poiesis”; Progetto “Laboratorio di Latino”; Laboratorio di Francese e di Matematica; Progetto “Consiglio comunale dei ragazzi”; Progetto famiglie accoglienti; Progetto Pegaso in volo”. Le scolaresche lungo il corso dell’anno, partecipano a Concorsi e Progetti a livello Regionale e Nazionale.

L’attività che svolge la Scuola Media di Turi, insieme ai percorsi ministeriali, non dimentica di accrescere le abilità e le competenze personali dei ragazzi, non tralasciando di porre attenzione all’educazione alla convivenza civile, ambientale, alla salute, alimentare, all’affettività e alla sicurezza. “Una scuola però è tale se lascia spazio anche alle famiglie e in questo, io e tutti coloro con i quali collaboro, cerchiamo di essere sempre attenti alle richieste e alle proposte dei genitori”.

“Volare alto” è il motto di questa scuola e ci auguriamo che possa continuare a volare sempre più in alto per garantire ai ragazzi e alle famiglie di Turi un’istruzione e formazione sempre completa.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI