Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Presentato il progetto di valorizzazione delle mattonelle laertine della Grotta

foto progetto maioliche

Ieri 26 gennaio 2012, i soggetti locali interessati a valorizzare il nostro patrimonio storico-artistico, sono stati invitati, presso l’aula consiliare del Comune di Turi alla presentazione del progetto di verifica della composizione delle mattonelle di maiolica della Grotta di Sant’Oronzo.

Il piano è stato esposto dal Prof. Eugenio Scandale, titolare della Cattedra di Mineralogia, pressola Facoltà di Scienze dell’Università degli Studi di Bari, Responsabile Scientifico del Progetto, che ha illustrato le finalità e gli obiettivi scientifici indirizzati alla tutela, alla conservazione ed alla valorizzazione delle nostre maioliche laertine. “L’incontro con Turi è avvenuto in modo del tutto casuale. Quando ho conosciuto questo incredibile tesoro, non sospettavo che ne esistesse uno così in Puglia. Da un punto di vista storico-artistico si tratta di mattonelle uniche. Ci sono già mattonelle a parete ma questo è il primo esempio, così ben custodito, di pavimentazione maiolicata. Sollecito la collaborazione di tutti per l’acquisizione di materiale informativo su questo patrimonio.”

Faranno parte dello staff come stagisti anche la dott.ssa Spada e il dott. Luparelli, nostri compaesani.

Gli obiettivi di tutela, valorizzazione e conservazione verranno perseguiti attraverso analisi chimiche e mineralogiche, delle malte, dei pigmenti (per risalire alla periodizzazione); la valutazione dell’usura ne permetterà la salvaguardia.

Ogni risultato sarà illustrato attraverso l’organizzazione di eventi aperti alla comunità.

É importante precisare che le tecniche utilizzate non sono per nulla invasive e distruttive.

Il Sindaco Dott. Vincenzo Gigantelli ha affermato: “Ritengo che uno studio multidisciplinare come questo debba avere la collaborazione attiva dei nostri esperti locali. Vorrei che venisse aperto un dibattito in cui riuscire a chiarire qualsiasi dubbio.”

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI