Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Musicisti turesi vincitori al Festival di Praga

 I musicisti turesi

Un grande successo è stato quello riscosso da Raffaele Pagliaruli, Gianvito Lerede e Francesco Rossi al festival internazionale dell’Orchestra di Fiati di Praga 2012.

I musicisti, componenti dell’Orchestra di Fiati “Orpheo”, hanno preso parte alla tournè musicale di Montescaglioso, diretta dal Maestro Rocco Eletto, sotto la direzione organizzativa dell’Associazione Artistico-Culturale “Quelli che…la Musica”, unico Ente di Alta Formazione Musicale presente in Basilicata.

Il sorriso dei vincitoriLa tournè ha previsto molteplici tappe, che hanno portato l’Orchestra a diverse esibizioni, tra cui quella del 2 Gennaio a S.Elia a Pianise(Cb), il 3 Guglionesi (Cb), il 4 Bollate(Mi), terminando il 5, 6, 7, 8,  al Concorso Internazionale per Orchestre di Fiati Praga, dove ha visto l’orchestra “I Filarmonici” trionfare.

I concertisti convocati per la partecipazione al concorso sono stati selezionati tra i migliori delle orchestre di fiati del sud Italia; per il secondo anno consecutivo, hanno distintamente rappresentato il nome dell’Italia a Praga, collaborando alla nuova vincita storica del 1°premio come miglior esecuzione del brano d’obbligo della sezione Top Class e del 2°premio della categoria Top Class, assegnato da una giuria formata da compositori e direttori di calibro mondiale, competendo con orchestre di fiati proveniente da: Finlandia, Germania, Olanda, Russia, Repubblica Ceca, Polonia, Slovenia e Croazia.

Uno dei vincitori, Raffaele Pagliaruli, a seguito della sua seconda partecipazione al concorso internazionale, si dichiara orgoglioso di essere un componente dell’Orchestra “I Filarmonici”, poiché questo gli permette di collaborare con i solisti e musicisti più validi. Aggiunge inoltre che “la musica è sottovalutata qui in Italia, ma vi assicuro che le realtà che incontriamo in questi concorsi sono fuori dall’immaginario: bande composte da più di 100 musicisti arrivano al concorso agguerrite e curiose di ascoltare la nostra performance perché per loro, noi italiani, siamo la storia della musica. Vincere contro queste ‘armate di musicisti’, per noi significa davvero molto ed è proprio questo che ci dà la forza di portare avanti questa passione e questa nostra tradizione musicale, come membri delle bande da giro musicali d’Italia.”

La partecipazione a questi concorsi dei musicisti turesi è davvero un orgoglio per la nostra cittadinanza poiché, con la loro passione, dedizione e amore per la musica valorizzano nel mondo le loro radici, portando in giro un pezzo di Turi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI