Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

“LA SEDE LILT DEVE RESTARE A TURI”

 

rudere ospedale

“Voglio che la LILT resti a Turi e m’impegnerò affinché questo possa concretarsi”. È con queste parole che il vicesindaco Paolo Tundo, sempre in prima linea sui temi riguardanti la salute e il mantenimento dei servizi nel nostro comune, afferma la totale attenzione alla questione della LILT. I nostri lettori ricorderanno, infatti, quanto, in pagina 18 del n. 39 de “La Voce del Paese” fu espresso dalla presidente turese LILT, Cristina Cozzolino, circa l’incertezza della nuova locazione dell’associazione.

“Sono molto sensibile alla tutela e alle tematiche della donna” – commenta Tundo, incalzando sul falso allarmismo scatenato poiché, aggiunge – “comunicai già in precedenza alla Cozzolino e alla sua vice, Camponobile che la LILT sarebbe stata trasferita, in via provvisoria, presso alcuni locali della Biblioteca comunale, fino a quando non fossero terminati i lavori”. È un impegno, quello del vicesindaco, che come politico e come associato LILT ha assunto per non far perdere una così importante realtà associativa sanitaria a Turi.

Giovedì pomeriggio un incontro al Comune con il Sindaco Gigantelli, il Vicesindaco e le responsabili LILT di Turi decreteranno in maniera definitiva l’effettiva nuova e temporanea locazione dell’ONLUS. Lo spostamento della LILT, ricordiamo, si rende necessaria all’indomani della firma del direttore generale dell’ASL, Domenico Colasanto, che dà il via all’abbattimento del rustico di via Conversano dove fino ad oggi è stata accolta.

A gennaio, quindi, anche la LILT avrà una nuova sede per garantire a Turi il proseguimento dei servizi fino ad ora realizzati e questo va a scrivere la parola “fine” alla vicenda dell’ex ospedale e dei servizi lì ubicati, che da oltre un anno il nostro vicesindaco Tundo segue da vicino. “Dobbiamo avere tutti un po’ di pazienza e attendere il completamento dei lavori della nuova struttura di via Conversano” - ha concluso Paolo Tundo aggiungendo un ringraziamento anche al sindaco Gigantelli che con lui si è adoperato a lungo per trovare una giusta e adeguata sistemazione per tutto.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI