Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

UNA MOSTRA IN RICORDO DI ALDO MORO

DSC02532

 

“Noi non vogliamo essere gli uomini del passato, ma quelli dell’avvenire. Il domani non appartiene ai conservatori e ai tiranni; è degli innovatori attenti, seri e senza retorica. E quel domani nella civile società appartiene, anche per questo largamente, alla forza del Cristiano. Lasciate, dunque, che i morti seppelliscano i loro morti, noi siamo diversi, vogliamo essere diversi da un mondo ormai ampiamente superato.” Il grande politico italiano nonché presidente del partito della Democrazia Cristiana, Aldo Moro certo la sapeva lunga sul valore dell’essere e della memoria, quella minimale, dettagliata, aneddotica che non deve farci crogiolare nella culla del passato ma nell’azione dell’avvenire.

Quella stessa memoria che è stata protagonista, sabato 5 novembre, della mostra fotografica e documentale riguardante l’attività politica dello statista scomparso, omaggiata dal sig. Simeone Maggiolini e curata dal “Centro studi Aldo Moro” di Turi nella persona del suo presidente Filomena. Numerose le foto che attestano le visite di Moro nella nostra cittadina ed il rapporto di stima e amicizia con il nostro concittadino Maggiolini, presidente onorario dello stesso Centro Studi. Molto significativa è risultata agli occhi dei più, la foto in cui Moro stringe la mano ai detenuti della Casa di Reclusione, foto che secondo quanto scritto nel libro “Sulle orme di un uomo”, risale alla prima visita a Turi dello statista scomparso.

“Oltre che impegnato al dicastero della Pubblica Istruzione e degli Esteri, - viene narrato nel libro di S.Maggiolini – Moro è stato anche Ministro di Grazie e Giustizia e in tale veste venne a Turi: dopo aver visitato la sezione del suo partito, si recò al carcere e, dopo una visita alla cella dove fu detenuto l’On. Antonio Gramsci, si fermò a dialogare con i detenuti, per recare loro conforto e informarsi delle loro condizioni.” La mostra è risultata un’ottima occasione per far conoscere ai numerosi presenti, accorsi d’innanzi a Piazza Aldo Moro, in occasione dell’omaggioad Antonio Gramsci da parte del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, l’impegno politico e sociale di Aldo Moro che tanta parte ha avuto anche nella vita culturale, politica e sociale del nostro paese.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI