ECCESSIVO ALLARMISMO? CREPE CHE FANNO PAURA

a._via_ginestre

diagnosi

Il crollo della palazzina in piazza Moro a Barletta ha scatenato paure e dubbi nella popolazione non solo locale, ma nell’intera penisola. Maggiori attenzioni, controlli e precauzioni, all’indomani della morte di vittime innocenti. Ovunque si mettono in sicurezza edifici, si prendono precauzioni, si scatenano allarmismi.

Soltanto la scorsa settimana, nella nostra cittadina, abbiamo fotografato l’intervento dei Vigili del Fuoco ad un edificio non abitato da diverso tempo, ma adiacente ad abitazioni civili. Questa settimana, invece, registriamo un intervento, forse scatenato dai timori di possibili crolli, sempre dei Pompieri presso la struttura della Scuola dell’Infanzia in via Ginestre nella mattinata di martedì 11 ottobre.

Come ci dichiara infatti un genitore, l’intervento dei Vigili è stato effettuato dalle ore 8:30 alle 10:15 circa e, come mostriamo dal referto, è stato individuato solo del materiale di risulta presso il vano magazzino. “Non si evidenziano problemi strutturali” – continua in basso.

“Purtroppo - come ci conferma l’Assessore alle Politiche Scolastiche, Modesto Cazzetta, che ha seguito da vicino la vicenda – dopo il crollo di Barletta tutti sono più vigili e attenti. Infatti – ci spiega l’Assessore – tutto è iniziato nel momento in cui alcuni genitori si sono allarmati alla vista di alcune crepe all’interno dell’asilo.” Molti, nella mattinata di lunedì 10 hanno prelevato i propri figli da scuola con la richiesta di far eseguire controlli all’edificio. A poche ore di distanza, l’Ing. comunale Cicala ha compiuto un primo sopralluogo, rilevando la  completa sicurezza dell’edificio con leggere e non significative crepe in alcuni punti. Nonostante le rassicurazioni dell’ingegnere comunale, un gruppo di genitori ha allertato i Vigili del Fuoco che prontamente, nella mattina seguente, hanno operato un controllo dello stabile, confermando il parere di Cicala.

“Nel momento in cui si parla dei bambini, e tra loro potrebbero esserci anche i nostri figli – commenta amareggiato l’Assessore – non si può agire superficialmente. Questo comportamento, anche sinonimo di una scarsa fiducia nei nostri confronti, non deve derivare da paure e sospetti ai quali si pensa che noi Amministrazione non consideriamo”.

“Già nel momento in cui il nostro comune ha stretto la collaborazione con il Politecnico di Bari e il CNR, un gruppo di esperti ha effettuato un primo sopralluogo che ci ha tranquillizzato sulla sicurezza della sede scolastica che presto avrebbe accolto i bambini”- ha commentato Cazzetta. “Se non ci avessero dato sicurezza della stabilità, sicuramente non ne avremmo consentito l’accesso”.

Conclude così il suo intervento l’Assessore alle politiche scolastiche puntualizzando l’attenzione che l’Amministrazione rivolge ai più piccoli e alla loro sicurezza.