Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

CARCERI: DA OLTRE 18 MESI NON PAGANO LE MISSIONI

carcere_copy

Riceviamo e Pubblichiamo.

 


Stanno pensando  di incatenarsi davanti ai cancelli di ingresso degli Istituti penitenziari, oppure attuare uno sciopero della fame, i poliziotti penitenziari in servizio presso  la maggior parte degli Istituti della Regione per protestare  per il mancato pagamento dei servizi di missione che in alcuni casi arriva ai 18 mesi di arretrato.

 

Il ritardo dei  rimborsi vuol dire che i lavoratori sono costretti ad anticipare somme di tasca propria, togliendole dal proprio bilancio familiare, per assicurare la continuità  dei servizi  , (soprattutto traduzioni dei detenuti)  che ogni giorno vengono effettuati.

Il SAPPE per bypassare tale situazione, attraverso il proprio studio legale aveva ottenuto centinaia di decreti ingiuntivi contro l’Amministrazione Penitenziaria, per ottenere  i pagamento dovuti, Purtroppo però,nonostante ciò la situazione rimane  drammatica.

Per questi motivi nei prossimi giorni il SAPPE incontrerà i vertici dell’Amministrazione Penitenziaria sia a livello Centrale che Regionale per cercare di trovare una soluzione alla questione che investe centinaia di Poliziotti Penitenziari pugliesi che per serietà professionalità, e grande attaccamento al dovere continuano ad anticipare parte delle somme, togliendole da proprio bilancio familiare, al fine di non  creare disagi o disservizi che potrebbero portare a situazioni  pericolose per la sicurezza dei cittadini.

Qualora un accordo non verrà trovato, il SAPPE quale sindacato più rappresentativo in accordo  proprio con i lavoratori, porrà in essere tutta una serie di iniziative clamorose   in tutti gli Istituti della Regione da Lecce a Foggia, da Taranto a Trani, da Brindisi a Trani, da Turi a San Severo, non escludendo l’incatenamento simbolico davanti ai cancelli di ingresso degli Istituti, scioperi della fame, oppure sit in davanti alle  sedi Istituzionali per portare all’attenzione dell’opinione pubblica questa ulteriore grave problematica che investe il sistema penitenziario pugliese, già al collasso per il sovraffollamento di detenuti , per la situazione di fatiscenza delle strutture , per la grave e cronica carenza di organici di Polizia Penitenziaria.

La rabbia sta per esplodere e qualora non ci saranno risposte positive da parte dell’amministrazione penitenziaria, verranno poste in essere iniziative clamorose tese a far conoscere l’opinione pubblica in quali gravi situazioni si è costretti a lavorare per assicurare sicurezza e legalità.

Il Segretario Nazionale

Federico PILAGATTI

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI