CONTURBAND: FIORE ALL’OCCHIELLO TURESE

ctb

Nata nel 2007, la Conturband, street band “Made in Turi”, ha appena concluso il tour de force più impegnativo contando all’attivo oltre cento esibizioni, nel solo 2011 e portando in giro per tutta Italia il nome di Turi.

Quest’anno, ancora più del precedente, la Conturband ha avuto l’onore di esibirsi non solo nelle più belle e importanti piazze della Puglia ma anche in Calabria, Basilicata, Campania, Molise e Abruzzo. Degni di nota, tra i vari concerti, quello di apertura del concerto di Michele Zarrillo, nel Salento e quello di Franz Di Cioccio, batterista della P.F.M. , a Pratola Peligna (Aquila).

Quest’anno anche la Provincia di Bari cha chiesto una loro maggiore partecipazione all’interno del cartellone estivo  “La Provincia fa spettacolo. Costa dei Trulli”.

Di recente hanno suonato per la giornata del CNR, giornata nazionale dei ricercatori di Bari.

Abbiamo intervistato il leader del gruppo Nuccio Gargano.

Vuole ringraziare qualcuno per il vostro successo?

Sentiamo il dovere di ringraziare le due persone che hanno reso possibile questo progetto, credendo in noi e investendo nelle nostre capacità sin da quando, bambini, frequentavamo la scuola di musica dell’Oratorio di Turi: l’indimenticabile Don Giovanni Cipriani, ed il carismatico maestro Peppino Mallardi.

Quali sono i vostri prossimi progetti?

La fondazione di una street band giovanile, simile alla Conturband, composta dagli allievi della nascente scuola di musica “Orpheo-CTB”. La mini Conturband abbraccerà una fascia d’età compresa dagli  8 ai 13 anni.

Per l’estate 2012 dovrebbe, inoltre, uscire il nostro primo cd con la partecipazione di jazzisti internazionali.

Nel cd ci saranno anche dei vostri brani?

Si,  inediti e cover.

É in previsione un rinnovo del repertorio?

Stiamo rinnovando il repertorio restando nello stesso genere ma ampliandolo con cover anni 70-80 perché abbiamo visto che funzionano. Aggiungeremo un genere diverso relativo alla salsa e a quello latino- americano, non allontanandoci troppo dal funky e dalla coordinazione movimento e suono, propria del nostro stile.

Quanti kg si perdono suonando e saltando? Il vostro può essere un nuovo metodo per far ‘palestra musicale’?

Parecchi. Certo. Quindi invitiamo i cittadini turesi ad unirsi a noi numerosi e a continuare a sostenerci perché abbiamo bisogno di continuo sostegno in questo momento di crisi per mettere anche da parte qualche critica che ogni tanto ci rammarica.