Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

IL “2 NOVEMBRE” È CALATO SU TURI

santoronzo

“Passa il Santo. Passa la festa”…così recitava un antichissimo detto turese che sembra persistere tuttora poiché a Turi dopo la meravigliosa Festa Patronale sembra essere tornato il “2 novembre”. E così sarà fino a giugno prossimo (si spera) dato che mai come quest’anno per via di serate più fresche l’estate turese è iniziata molto tardi e sta per concludersi.

Turi non cambierà o almeno non lo farà per il momento. La gente preferisce “uscire fuori” soprattutto d’inverno perché gli altri paesi offrono di più! Ma cosa offrono??? Offrono pub, bar e pizzerie??? In effetti anche Turi è ben fornita di pub, bar e pizzerie e forse anche di qualità superiore, ma è proprio la mentalità “gretta” turese che preferisce evadere.

Anche dal punto di vista commerciale, possiamo vantare negozi di vario tipo e per tutte le tasche, ma ascoltando il parere dei titolari si è evinto che i turesi prediligono a questi, centri commerciali magari acquistando vestiario di incerta provenienza e di scarsa qualità ma comunque restando soddisfatti di aver fatto “spesa fuori”. Alcuni cittadini, sempre a detta dei titolari, non conoscono neanche l’esistenza di certi negozi, dei prezzi e degli ottimi capi che mettono in vendita poiché per “la gente” è impensabile che Turi possa progredire. Ma per fortuna questa mentalità non coinvolge proprio tutti dato che se fosse così sarebbe un disastro per l’economia del nostro paese: non circolerebbe più moneta, chiuderebbero tante attività e si trasformerebbe questo paese in un vero e proprio dormitorio.

Da paesino che era, Turi si è evoluto e si è esteso. Siamo cresciuti sia come popolazione (attualmente i cittadini turesi sono poco più di 12.500) che dal punto di vista sociale e questo è un risultato positivo che deve farci riflettere ad eliminare quei pregiudizi nei confronti di un paese che sembra addormentato ma che invece si è emancipato nel giro di pochi anni. Cosa ci manca per essere al pari degli altri paesi confinanti? Non c’ è una valida motivazione per la quale Turi è un territorio da evitare o da scartare se non quella del divertimento. Ma è possibile che basta così poco per mettere una ‘X’ su questo luogo soltanto perché manca una discoteca o una palestra con piscina? La verità è che in questo Paese manca un profondo tanto quanto impellente bisogno di cultura!

Basterebbe semplicemente valorizzare di più il nostro Paese  e viverlo, ma non soltanto il mese di agosto e della Festa “Grande” ma in ogni mese dell’anno con iniziative culturali, culinarie, di svago e di ogni genere purché atte a rinvigorire questa piccola città. Per far questo, la spinta dovrebbe provenire dai giovani, che per la maggior parte preferiscono criticare, senza operare!

Quale sarà il destino di Turi nei prossimi mesi? Lo scopriremo solo vivendo … lo (in questo caso).

Commenti  

 
Ruby
#2 Ruby 2011-09-16 17:10
A Toore,non hai inventato niente,ste cose li sento e li vedo da 5O anni,perciò o ti mangi sta minestra o ..................
Citazione
 
 
Toore
#1 Toore 2011-09-15 22:55
La festa sarebbe meravigliosa? ogni anno è uguale, quindi al massimo può definirsi monotona. Il problema di "uscire fuori" (???) è antico quanto Turi. Il perchè lo sappiamo tutti, e le cose che mancano (e che sono elencate) non sono da poco: cinema, centro commerciale, palestra, parco, centro sportivo, pub. I negozi di abbigliamento presenti a Turi, la maggior parte, sono destinati ad una clientela disposta a spendere cifre importanti: e chi mi garantisce che anche (e soprattutto) quei capi non siano di provenienza misteriosa?! Si preferisce spendere, come è normale, in un grande centro commerciale con prezzi accessibili e vasta scelta. I pub sono assenti e di bar aperti sino a tarda ora ce ne sono uno, forse due. Potrebbe salvarsi solo qualche pizzeria o ristorante di qualità (prova ne è l'affluenza da altri paesi). La famigerata villa è deserta, perchè giustamente la gente ha bisogno di conoscere e vedere visi nuovi e diversi. Guardandoci intorno abbiamo Conversano, Putignano, Polignano...e non mi sembra il caso di fare paragoni impietosi. Questa è la verità. ***
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI