Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

L’ASILO DELLA PAURA: A BREVE NUOVI SONDAGGI

asilo

È stata stipulata una convenzione tra il Comune di Turi, il Politecnico di Bari e il Consiglio Nazionale delle ricerche (CNR) per l’affidamento dello studio di stabilità della Scuola Materna di Via Ginestre. La spesa a sostenersi è pari ad € 16.500,00 oltre IVA con esclusione delle spese per i sondaggi, le indagini e le prove di laboratorio.

L’edificio scolastico di Via Ginestre risiede su un’area confinante con una dolina e questo provoca una serie di preoccupazioni da parte dei genitori e dei docenti che, nonostante le rassicurazioni giunte in passato da geologi e strutturisti, ha richiesto maggiori verifiche. Ricordiamo infatti che sono stati realizzati due studi di carattere geologico e geofisico dal dott. Pasquale Pirulli nel maggio 2005 e dalla dott.ssa Silvia Gabriele nel giugno 2009, dai quali non sono emerse interpretazioni valide circa la stabilità dei luoghi. Inoltre, da una relazione tecnica svolta dal Prof. Ing. Pietro Monaco per accertare lo stato delle strutture dell’edificio e consegnata al Comune di Turi nell’ottobre 2005 è emerso che alcuni elementi strutturali della Scuola Materna non si presentano in una condizione ottimale sia sul piano delle verifiche di stato limite che sul piano dello stato di conservazione.

È stato pertanto deciso di contattare il Dipartimento di Ingegneria delle Acque e di Chimica del Politecnico di Bari per verificare la possibilità di effettuare ulteriori indagini utili allo scopo.

Il 14 luglio scorso, dal Dipartimento barese è giunto uno schema di convenzione da stipularsi tra il Comune di Turi, il Politecnico di Bari e il Consiglio Nazionale delle ricerche, con il programma delle operazioni da svolgersi presso l’area di interesse, per un compenso pari a  16.500,00 € oltre IVA e spese per i sondaggi, le indagini e le prove di laboratorio. Approvata la convenzione, a breve partiranno i lavori di studio sotto il coordinamento generale del dott. Francesco Cafaro per una durata di circa sei mesi.

 

Commenti  

 
rosy
#11 rosy 2011-10-18 12:03
francamente credo che ci sia eccessivo allarmismo, ma è anche vero che l'edificio come tanti altri devono essere controllati e poi resi agibili. Ma parlare di crolli e voragini che inghiotteranno l'asilo...bè mi pare troppo!
Citazione
 
 
Sofia junior
#10 Sofia junior 2011-10-17 16:03
l'autorità di bacino come x il "pip" e il famigerato ospedale di via Conversano deve intervenire, non perdiamoci in chicchiere c'è una grave ragà ad "unosputo". L'acqua piovana dove vè ke và???
Citazione
 
 
celeste
#9 celeste 2011-10-17 15:58
nell'articolo pubblicato ho letto tante belle parole confortate però da pochi fatti concreti. Da lettrice e genitore interessato sono molto dispuaciuta di aver letto e constatato che è stata data "voce solo a politici che fanno parte dell'amministrazione comunale" e nessuno di voi giornalisti si è preoccupato di dare voce al paese (noi).iL nome del vs giornale se non sbaglio è "LA VOCE DEL PAESE" ??????? ma di quale paese?????
Citazione
 
 
INDIGNATO
#8 INDIGNATO 2011-10-17 13:37
Il Comune,l'ingegnere il geometra sono complici e responsabili,di queste costruzioni basate sul nulla(grotte,doline ecc.) costruzioni private e pubbliche,fatte erigere negli anni passati.Inutile chiedere carte e autorizzazioni date a costruire a costruttori senza scrupoli sono TOP SECRET.Non si può aspettare che succedono le catastrofi, morti seppelliti sotto le macerie per poter dire,io l'avevo detto.
Citazione
 
 
franca
#7 franca 2011-10-17 08:57
dobbiamo proporre dei locali da utilizzare fino a quando avremo la certezza assoluta che tale asilo è agile
Citazione
 
 
telecamera
#6 telecamera 2011-09-14 08:31
Se mio figlio frequentasse quell'asilo non sarei molto tranquillo.
Citazione
 
 
stella
#5 stella 2011-09-13 22:07
come fà chi all'epoca ha approvato il progetto di quell'asilo, a fare sogni tranquilli, pensando che tutti i giorni viene frequentato da centinaia di bambini.e se un giorno con tanto di scongiuri succede effettivamente quello che è scritto in questo annuncio chi ne pagherà le conseguenze?
I NOSTRI FIGLI signori miei, quindi svegliamoci e mettiamoli al riparo. perchè i malviventi non pagano MAIIIIII.
Citazione
 
 
Ruby
#4 Ruby 2011-09-13 15:11
In una Nazione seria, tutte le spese andrebbero addebbitate ai famosi ingenieri, e architetti che hanno firmato le licenze a costruire....,ma siccome l'ITALIA è una cosa poco seria,amen e buona notte a tutti.....
Citazione
 
 
Sofia junior
#3 Sofia junior 2011-09-13 08:44
è nei tempi l'amministrazione Giga: come ha pensato a far demolire il "mai nato asilo" di via Mola, si dia una mossa x quello in via Ginestre. Il problema c'è :cry:
Citazione
 
 
c.s.
#2 c.s. 2011-09-12 21:22
...dimenticavo che in quella dolina,se nessuno se ne accorto,si continua a costruire selvaggiamente.OCCHIO RAGAZZI.
Citazione
 
 
c.s.
#1 c.s. 2011-09-12 21:20
chi ha dato il progetto?...e l autorizzazione a costruire?adesso rifatelo a spese vostre e nn dalle tasche dei contribuenti.CHE CREDO SONO STUFI DI QUESTI OSCEMPI
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI