Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

DOPO IL DOLORE, C’È ANCHE LA BEFFA

foggia123--401x175

Riceviamo e Pubblichiamo.

 


Questa è la vicenda che ha coinvolto la famiglia Florio che in questi giorni ha vissuto con dolore ed ansia il ritorno a casa della propri cara defunta.

Come si poteva immaginare che per un referto medico, scritto superficialmente al momento dello spostamento da un ospedale all’altro, dopo un intervento alla testa per una caduta accidentale ed un peggioramento che ha necessitato un trasferimento in rianimazione, avremmo potuto riavere la salma della defunta con ritardo per poter procedere ai suoi funerali?

Questa è una vicenda che ha coinvolto tutti in paese perché i funerali, fissati per una data, non sono più stati eseguiti nel giorno dovuto, avvisando così in tal modo tutti i familiari e la stessa agenzia per la nuova comunicazione della celebrazione funebre.

Dopo aver atteso tutti qualche notizia e aver potuto ritirare la salma dall’ospedale, abbiamo ricontattato l’agenzia che, non nuova a tali vicende, ha rifatto i manifesti, si sono ricontattati il prete, la banda e siamo riusciti a svolgere il regolare rito funebre.

Noi ringraziamo moltissimo tutti coloro che ci sono stati vicini e che si sono mobilitati per saperne di più sull’accaduto. Tutta la famiglia Florio è dispiaciuta per l’accaduto e ci scusiamo con tutti coloro che hanno partecipato ai funerali della nostra cara. In maniera concorde, tutta la famiglia ha voluto far consapevole gli amici cari di questa incresciosa vicenda perché si rammarica del vociferare sulla vicenda, dinanzi ad una donna che nella sua vita non ha mai fatto parlare di lei.

La famiglia Florio non incolpa chi, competente, ha sbagliato a trattare il caso, ma tutto il sistema ospedaliero che oggi ci coinvolge, nella speranza che nel domani si sia più fortunati e non si incontrino simili difficoltà.

Paolo Florio

 

Commenti  

 
Ruby
#1 Ruby 2011-09-13 15:29
E l'Italia che va...........
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI