INSULTI E ATTI VANDALICI. DENUNCIA DI UN LETTORE

fiat_1

Raccogliamo le foto denuncia di un nostro lettore, residente a Turi da qualche mese che, per la sola 'colpa' di avere una diversa identità sessuale, è stato vittima di pesanti atti di accusa e attacchi verbali, sfociati, la scorsa notte, in un gesto di vandalismo contro la propria auto.

fiat_3

L’auto, parcheggiata durante la notte sotto la casa del nostro lettore, è stata presa di mira da qualche barbaro che ha scritto, sul cofano, la parola "GAY". “Questa è la civiltà che si respira in questo paese”, commenta il ragazzo, che chiede di restare anonimo.

 

Con toni malinconici, misti a diffidenza e rabbia, il lettore racconta una serie di dispetti e sfregi rivolti alla sua macchina. “Mi hanno rigato, per la terza volta, il cofano anteriore e per ben due volte l'ho fatta riverniciare. La prima volta mi avevano inciso sul cofano la parola ‘FROCIO’, la seconda volta avevano inciso la figura del sesso maschile con scritto il mio nome e l'altro giorno appena scendo di casa, scopro che mi hanno danneggiato nuovamente la macchina incidendo nuovamente sul cofano la scritta ‘GAY’ attirando l'attenzione anche del vicinato”.

Amareggiato dal comportamento irrispettoso di alcuni cittadini del paese, continua aggiungendo che “ho solo dei sospetti su chi può essere stato, ma non posso accusare nessuno perché non ho le prove e non serve neanche fare una denuncia contro ignoti”.

Nei suoi confronti, però, diversi sono gli insulti lanciati dai ragazzi del posto che, gridando, lanciano accuse come ‘ueee ricchioo’ che vanno ad ampliare lo stato di malessere del nostro lettore.