Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

SAGRA DELLA CILIEGIA: UN GRANDE SUCCESSO

IMG_9573

Il bilancio è positivo. L’edizione numero 21 della Sagra della Ciliegia Ferrovia di Turi (4-5 giugno 2011) passerà certamente agli annali per la presenza massiccia di turisti e visitatori mordi e fuggi provenienti da ogni latitudine, dai paesi limitrofi. Segno tangibile che la città non vive solo di edilizia e agricoltura, ma comincia a maturare il frutto del turismo di tipo culturale ed eno-gastronomico.
Il turismo è la risposta alla crisi del settore agricolo ed economico tout court, converrebbe l’assessore regionale Dario Stefàno, tra gli altri presenti al taglio del nastro.
La presenza di numerose autorità civili, locali, provinciali, regionali e nazionali, rappresentanti delle Forze dell’Ordine di Turi e delle varie Federazioni di Categoria – significa che la sagra della ciliegia a Turi è ormai un evento istituzionale e di richiamo non solo per gli sponsor, ma per il difficile e sempre più complesso business della ciliegia, e dell’ortofrutta più in generale.
La globalizzazione dei mercati e la liberalizzazione concorrenziale, per certi versi rappresentano una sfida epocale: proprio nel giorno della conferenza stampa, i rappresentanti locali e regionali hanno ribadito la necessità di diversificazione il prodotto per renderlo qualitativamente più appetibile nella giungla dei mercati internazionali.
Noi, intanto, abbiamo scambiato qualche opinione con i produttori agricoli che durante la due giorni di festa hanno osservato con molta attenzione l’andamento della sagra. Il nostro settore agricolo, purtroppo, resta lontano anni luce rispetto a realtà meglio organizzate e consorziate del nord Italia, che tuttavia parte da una situazione di vantaggio rispetto al nostro sud.
“Tanto ci vuole a consorziarsi e acquistare macchinari per la trasformazione in loco della ciliegia?” – si interrogano alcuni produttori agricoli turesi e conversanesi. “Forse è arrivato il momento di abbandonare certi meccanismi assurdi di campanilismo distruttivo, che ci rende fragili all’estero e forti nelle realtà paesane”. Queste e altre osservazioni che meriterebbero maggiore attenzione da parte dei rappresentanti istituzionali presenti al taglio del nastro.
Di questa edizione, non passi solo il rito inaugurale con parata di politici al seguito, perché da quei coloratissimi e gustosi stand parte un segnale chiaro attorno a cui dobbiamo tutti riflettere: gli agricoltori hanno voglia di riscatto, vogliono che questo lavoro continui, che i giovani senza lavoro possano dedicarsi con maggiore cultura, lavorando in condizioni adeguate ai nostri tempi, con la migliore tecnologia possibile, in sinergia con Università e Centri di ricerca. Solo così sapremo mostrarci più forti, competitivi all’estero. La ciliegia può rappresentare la metafora di quello stile di vita che all’estero ci invidiano: il vivere e mangiare lento, cultura che ha dato vita al famosissimo consorzio ‘Slow Food’, tanto per citarne uno, e che abbina la cultura del vivere e mangiare sano, con la necessità di preservare i nostri luoghi storici, artistici e naturali.
Tutto questo, e altro ancora, si poteva cogliere dalle dichiarazioni “d’amore” nei riguardi della ciliegia del presidente della Provincia prof. Schittulli: frutto dalle proprietà organolettiche uniche, ma anche metafora del vivere sano e lento, di quel lento di cui abbiamo bisogno per riappropriarci della nostra vita, della conoscenza e del rispetto dei nostri luoghi e del benessere fisico e mentale.
L’INAUGURAZIONE - Don Giovanni Amodio ha benedetto l’appuntamento. Taglio di nastro di rito, eseguito dall’onorevole Savino e dalla vice prefetto Bellomo.
Vincenzo Petruzzi, presidente dell’Associazione organizzatrice della sagra, “Turi in Evidenza”, ha introdotto l’intera squadra che ha lavorato per la buona riuscita dell’evento.
Tra le cariche istituzionali presenti, il sindaco Gigantelli, l’assessore provinciale Onofrio Resta.
IL CINQUANTENARIO DELL’UNITA’ D’ITALIA – è l’evento a cui si sono ispirati gli organizzatori della sagra. Molto originale la composizione di ciliegie e fiori realizzata dal Maestro Saffi e raffigurante il tricolore.
SPETTACOLO E SOLIDARIETA’ - Spazio anche per la solidarietà e l’intrattenimento con l’energia della Conturband e l’ironia del comico barese Gianni Ciardo che ha ospitato, sul palco Antonella Di Noia, rappresentante della neonata associazione che lotta contro la SLA e le malattie neuro-motorie, AttivaMente Puglia, alla quale si potrà destinare il proprio 5X1000 o versare un contributo attra

IMG_9620

Il bilancio è positivo. L’edizione numero 21 della Sagra della Ciliegia Ferrovia di Turi (4-5 giugno 2011) passerà certamente agli annali per la presenza massiccia di turisti e visitatori mordi e fuggi provenienti da ogni latitudine, dai paesi limitrofi. Segno tangibile che la città non vive solo di edilizia e agricoltura, ma comincia a maturare il frutto del turismo di tipo culturale ed eno-gastronomico.

Il turismo è la risposta alla crisi del settore agricolo ed economico tout court, converrebbe l’assessore regionale Dario Stefàno, tra gli altri presenti al taglio del nastro.

La presenza di numerose autorità civili, locali, provinciali, regionali e nazionali, rappresentanti delle Forze dell’Ordine di Turi e delle varie Federazioni di Categoria – significa che la sagra della ciliegia a Turi è ormai un evento istituzionale e di richiamo non solo per gli sponsor, ma per il difficile e sempre più complesso business della ciliegia, e dell’ortofrutta più in generale.

IMG_9660

La globalizzazione dei mercati e la liberalizzazione concorrenziale, per certi versi rappresentano una sfida epocale: proprio nel giorno della conferenza stampa, i rappresentanti locali e regionali hanno ribadito la necessità di diversificazione il prodotto per renderlo qualitativamente più appetibile nella giungla dei mercati internazionali.

 

Noi, intanto, abbiamo scambiato qualche opinione con i produttori agricoli che durante la due giorni di festa hanno osservato con molta attenzione l’andamento della sagra. Il nostro settore agricolo, purtroppo, resta lontano anni luce rispetto a realtà meglio organizzate e consorziate del nord Italia, che tuttavia parte da una situazione di vantaggio rispetto al nostro sud.

“Tanto ci vuole a consorziarsi e acquistare macchinari per la trasformazione in loco della ciliegia?” – si interrogano alcuni produttori agricoli turesi e conversanesi. “Forse è arrivato il momento di abbandonare certi meccanismi assurdi di campanilismo distruttivo, che ci rende fragili all’estero e forti nelle realtà paesane”. Queste e altre osservazioni che meriterebbero maggiore attenzione da parte dei rappresentanti istituzionali presenti al taglio del nastro.

Di questa edizione, non passi solo il rito inaugurale con parata di politici al seguito, perché da quei coloratissimi e gustosi stand parte un segnale chiaro attorno a cui dobbiamo tutti riflettere: gli agricoltori hanno voglia di riscatto, vogliono che questo lavoro continui, che i giovani senza lavoro possano dedicarsi con maggiore cultura, lavorando in condizioni adeguate ai nostri tempi, con la migliore tecnologia possibile, in sinergia con Università e Centri di ricerca. Solo così sapremo mostrarci più forti, competitivi all’estero. La ciliegia può rappresentare la metafora di quello stile di vita che all’estero ci invidiano: il vivere e mangiare lento, cultura che ha dato vita al famosissimo consorzio ‘Slow Food’, tanto per citarne uno, e che abbina la cultura del vivere e mangiare sano, con la necessità di preservare i nostri luoghi storici, artistici e naturali.

IMG_9614

Tutto questo, e altro ancora, si poteva cogliere dalle dichiarazioni “d’amore” nei riguardi della ciliegia del presidente della Provincia prof. Schittulli: frutto dalle proprietà organolettiche uniche, ma anche metafora del vivere sano e lento, di quel lento di cui abbiamo bisogno per riappropriarci della nostra vita, della conoscenza e del rispetto dei nostri luoghi e del benessere fisico e mentale.

 

L’INAUGURAZIONE - Don Giovanni Amodio ha benedetto l’appuntamento. Taglio di nastro di rito, eseguito dall’onorevole Savino e dalla vice prefetto Bellomo.

Vincenzo Petruzzi, presidente dell’Associazione organizzatrice della sagra, “Turi in Evidenza”, ha introdotto l’intera squadra che ha lavorato per la buona riuscita dell’evento.

Tra le cariche istituzionali presenti, il sindaco Gigantelli, l’assessore provinciale Onofrio Resta.

IMG_9672

IL CINQUANTENARIO DELL’UNITA’ D’ITALIA – è l’evento a cui si sono ispirati gli organizzatori della sagra. Molto originale la composizione di ciliegie e fiori realizzata dal Maestro Saffi e raffigurante il tricolore.

 

SPETTACOLO E SOLIDARIETA’ - Spazio anche per la solidarietà e l’intrattenimento con l’energia della Conturband e l’ironia del comico barese Gianni Ciardo che ha ospitato, sul palco Antonella Di Noia, rappresentante della neonata associazione che lotta contro la SLA e le malattie neuro-motorie, AttivaMente Puglia, alla quale si potrà destinare il proprio 5X1000 o versare un contributo attraverso il CF 93396850724

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI