Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

DOPO LA BELLA SAGRA, VENTO E PIOGGIA SULLE FERROVIE

ciliegie-gruppo

Martedì il fastidioso e forte vento di scirocco. Mercoledì tanta di quella pioggia per fortuna a macchia di leopardo e, in alcune zone, tanto per gradire, pure un po’ di grandine. Il mercato è bloccato. Mentre scriviamo queste righe, sappiamo che il vento non ha fatto danni, se non in una minima percentuale. Il problema non è nemmeno la grandine perché è stata poca e frammista alla pioggia.

E’ proprio la pioggia che fa i danni. Si cominciano, in effetti, a vedere ciliegie spaccate, ciliegie con il collier come dice qualcuno,  cercando di sdrammatizzare questo difficile momento. Il mercato si sta sbloccando, con le Ferrovie a 1euro e cinquanta il chilo, mentre le ‘Giorgia’ non raccolte dai produttori, sono rimaste ‘ sugli alberi’: stessa fine che hanno fatto le ‘Forlì’.

Vincenzo Petruzzi della Coldiretti non vuole sentir parlare di sovrapproduzione, “è solo un’annata caratterizzata da una buona produzione”. Con Vincenzo Petruzzi ci siamo soffermati a parlare della bellissima edizione della Sagra della Ferrovia, della quale lui è il coordinatore della fase organizzativa. Ecco cosa ci ha dichiarato: “Siamo stati gratificati dalla presenza di un numero imprecisato di persone ma la vera sorpresa l’abbiamo avuta quando abbiamo notato la presenza per le strade principali di Turi di forestieri la mattina di domenica”.

Petruzzi totalmente soddisfatto dell’andamento di questa ventunesima sagra? “Eh sì, l’obiettivo era e rimane quello di far conoscere il nostro prodotto a più gente possibile e anche il nostro territorio”.

C’è stata una grande risposta mediatica che ha accompagnato questa sagra. Mai come in questa edizione si sono avvicinati giornali, televisioni di luoghi lontani, fra i più disparati.  “A questo proposito devo dire che molte testate giornalistiche, per esempio del centro Italia, ci hanno cercato loro perché, metti come vuoi, le nostre ciliegie sono  famose e – conclude Petruzzi - la sagra è il posto giusto per propagandare il nostro delizioso prodotto”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI