Giovedì 13 Dicembre 2018
   
Text Size

XXI SAGRA DELLA CILIEGIA FERROVIA

sagra_11

 

Siamo ormai immersi nel periodo più caldo della stagione agricola del nostro paese. Ciliegi ormai in frutto e perle rosse che attendono di essere raccolte, vendute e mangiate. Ma non ci si può dimenticare di festeggiare, come tradizione vuole, uesto meraviglioso frutto e, per la 21° volta, il 4 e il 5 giugno, Turi invita a partecipare alla Sagra della Ciliegia Ferrovia. Organizzata dall’associazione Turi in Evidenza, apre le “porte” dei suoi stands alle ore 19.00, con il tradizionale saluto delle autorità che interverranno.
“Come ogni anno sorgono problemi nell’organizzazione di questo grande evento - ci racconta il presidente dell’associazione, Vincenzo Petruzzi. Maggiori difficoltà, comunque, le abbiamo riscontrate per reperire i finanziamenti utili all’allestimento della Sagra”.
Nonostante qualche giorno di ritardo rispetto alla normale maturazione del prodotto, continua Petruzzi - “la Sagra sarà, come ogni anno, momento di valorizzazione della ciliegia Ferrovia e dei nostri prodotti tipici”.
“Anche se in quelle date non saremo nella fase di maggiore raccolta della Ferrovia, comunque il 4 e il 5 giugno anticipano il fine settimana dedicato al referendum” - commenta ancora il presidente. Il 18 e il 19 giugno, anche se date indicate in caso di pioggia, “sono troppo lontane”.
L’appuntamento è quindi per il primo week-end di giugno per la XXI Sagra della Ciliegia Ferrovia.
Siamo ormai immersi nel periodo più caldo della stagione agricola del nostro paese. Ciliegi ormai in frutto e perle rosse che attendono di essere raccolte, vendute e mangiate. Ma non ci si può dimenticare di festeggiare, come tradizione vuole, questo meraviglioso frutto e, per la 21° volta, il 4 e il 5 giugno, Turi invita a partecipare alla Sagra della Ciliegia Ferrovia. Organizzata dall’associazione Turi in Evidenza, apre le “porte” dei suoi stands alle ore 19.00, con il tradizionale saluto delle autorità che interverranno.
“Come ogni anno sorgono problemi nell’organizzazione di questo grande evento - ci racconta il presidente dell’associazione, Vincenzo Petruzzi. Maggiori difficoltà, comunque, le abbiamo riscontrate per reperire i finanziamenti utili all’allestimento della Sagra”.
Nonostante qualche giorno di ritardo rispetto alla normale maturazione del prodotto, continua Petruzzi - “la Sagra sarà, come ogni anno, momento di valorizzazione della ciliegia Ferrovia e dei nostri prodotti tipici”.
“Anche se in quelle date non saremo nella fase di maggiore raccolta della Ferrovia, comunque il 4 e il 5 giugno anticipano il fine settimana dedicato al referendum” - commenta ancora il presidente. Il 18 e il 19 giugno, anche se date indicate in caso di pioggia, “sono troppo lontane”.
L’appuntamento è quindi per il primo week-end di giugno per la XXI Sagra della Ciliegia Ferrovia.
sagra_11_-_Copia

 

Commenti  

 
Angela T. Girolamo
#13 Angela T. Girolamo 2011-05-31 12:08
Allora... se ai produttori non sta bene il prezzo, perchè non si riuniscono in consorzio, così il prezzo lo fanno loro? O perchè non investono i milioni che girano ogni anno per via delle ciliegie, in aziende di trasformazione, così si creerebbero anche posti di lavoro a Turi?
Citazione
 
 
Ruby
#12 Ruby 2011-05-30 10:27
DOP.... cosè na cosa che si mangia..........poveracci!!!!!!!!!!!!!!!!!
Citazione
 
 
totom
#11 totom 2011-05-29 20:29
non avete capito niente,turi e' un paese agricolo non e' un paese commerciale,l'agricoltore turese la mattina si alza va in campagna per il raccolto lo conferisce al magazzino canserva tutte le ricevute alla fine i soldi poi di corsa alla banca oppure in concessionaria,l'anno dopo si ricomincia e cosi per gli'anni successivi. In questo modo non avremo mai la tanto attesa DOP.
Citazione
 
 
sofia senior.
#10 sofia senior. 2011-05-29 01:25
subiamo ancora senza lamentarci + di tanto :oops: , non siamo capaci di rovesciare cassette carike di ciliege sull'asfalto come fecero i nostri ... CARI!!!
:zzz
Citazione
 
 
Mimmo vespajonica
#9 Mimmo vespajonica 2011-05-28 11:53
Per la gioia di mia moglie quest'anno ci saremo anche noi ..... saluti da Lizzano !
Citazione
 
 
Ruby
#8 Ruby 2011-05-28 09:18
A Vito D'Addabbo,guarda che la scorpacciata la puoi fare anche con un pugno di ciliege,per quanto veleno gettano sulle piante,prima in fiore,poi con i fruti vicino, altro che biologico, ti conviene restare su,ciao Vito.
Citazione
 
 
Vito D Addabbo
#7 Vito D Addabbo 2011-05-26 21:10
Cosa darei per essere a Turi stasera e farmi una scorpacciata di ciliegie fino ad avere mal di pancia :P
Citazione
 
 
Ruby
#6 Ruby 2011-05-26 16:35
POLITICAMENTE,non è facile parlare di questi argomenti,in quanto molto intrinseci,però e anche vero che i nostri contadini sono lasciati soli al loro destino.
Citazione
 
 
gino
#5 gino 2011-05-25 14:53
ciao c.s.la differenza tra i produttori del nord e del sud e' quella che i primi si ribellano se gli si tira la maglia mentre quelli del sud aspettano che restino in mutande!!!(non censurate l'espressione perche' e' alquanto rappresentativa)il fatto di non protestare deriva anche dal fatto che molti produttori abbiano redditi diversificati da quello agricolo e quindi non si preoccupano realmente del fenomeno...i veri imprenditori agricoli col tempo resteranno sempre piu' in pochi...ciao
Citazione
 
 
jorge
#4 jorge 2011-05-24 22:20
credo ke tra qualke anno si nomineranno sl le ciliege nn piu la provenienza di turi....
Citazione
 
 
c.s.
#3 c.s. 2011-05-24 21:16
caro gino.chi ti scrive é un produttore.ti do pienamente ragione su cosa hai scritto ma onestamente nn vedo nessuna ribellione da parte dei produttori,a differenza dei produttori del nord che si ribellano alla minima cosa che nn gli va,pertando vuol dire che stiamo ancora bene.ti saluto.
Citazione
 
 
sofia senior.
#2 sofia senior. 2011-05-24 09:34
alcuni amici "lingue lunghe" mi dicono della nuova moda scatenatasi tra molti produttori turesi: prendono la via di Conversano x il conferimento dell'oro rosso. :-x Se ciò sarà vero, ricordiamoci della corsa a chi doveva occupare la sedia assessorile in questione (quando sarà il momento). perchè le sagre sobo "dei" e "per" i coltivatori, non per i "tromboni" della politica locale, regionale e nazinale. Una sagra senza D.O.P. è ancora da considerarsi orfana, presidente Petruzzi: metete questo in Evidebza. comunque buona Campagna... cerasicola!!!
Citazione
 
 
gino
#1 gino 2011-05-23 21:16
la sagra e' il giusto appuntamento di incontro tra la cerasicultura turese e la gente...un ottimo modo per pubblicizzare la ciliegia e tutto l'indotto...peccato pero' che non si rimarchi il fatto che i produttori carasicoli dal prodotto''rosso''traggano sempre meno profitto!!!metaforicamente si pubblicizza il latte ed i pastori ma si lasciano morire le pecore...spero che tal commento venga pubblicato perche' e' opinione comune degli agricoltori,sempre piu' spesso lasciati al loro umile ed irrisorio destino...
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI