Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

6° CENSIMENTO DELL’AGRICOLTURA. I DATI

Censimento-Generale-Agricoltura1

Sono arrivati i primi dati relativi al 6° Censimento dell’agricoltura che riguarda il Comune di Turi. Ma di cosa si tratta? Il Censimento dell'agricoltura rileva in ciascun Comune le aziende agricole e zootecniche da chiunque condotte e le cui dimensioni in termini di superficie o di consistenza del bestiame allevato siano uguali o superiori alle soglie minime regionali fissate dall'Istat nel rispetto di quanto stabilito dal Regolamento (CE) n. 1166/2008. Ciascuna azienda poteva scegliere se attendere il rilevatore per effettuare l’intervista diretta e compilare il questionario cartaceo o se compilare autonomamente il questionario elettronico via Internet. A Turi le interviste sono state effettuate nel periodo compreso tra il 25 ottobre 2010 ed il 31 gennaio 2011, anche se successivamente l’Istat ha prorogato i termini fino al 21 febbraio. Il Censimento è stato eseguito esclusivamente da personale della Polizia Municipale di Turi, che ha contattato personalmente i soggetti, potendo usufruire di una lista precensuaria con 1284 aziende agricole prodotta dall’Istat. Nel nostro comune 32 soggetti hanno compilato il questionario via internet. Fanno parte del campo di osservazione del 6° Censimento generale dell'agricoltura tutte le aziende con almeno 1 ettaro di Superficie Agricola Utilizzata (SAU) e le aziende con meno di 1 ettaro di SAU ma al di sopra di determinate soglie fisiche regionali stabilite dall'Istat tenendo conto delle specializzazioni regionali degli ordinamenti produttivi. Rientrano nel campo di osservazione anche le aziende zootecniche, purché allevino animali, in tutto o in parte, per la vendita.

Arriviamo dunque ai dati rilevati. Sul territorio turese sono state rilevate 1424 aziende agricole, di cui 140 aziende sono nuove mentre 190 non esistono più. Il dato finale dunque è di 1234 aziende e, tenendo conto del dato precensuale, c’è un saldo negativo di 50 aziende.

Particolarmente interessante è il dato che riguarda la superficie dei terreni dichiarata dai soggetti. Questi hanno dichiarato complessivamente 5370 ettari di terreni, di cui 4205 ettari sono destinati alle coltivazioni legnose agrarie (ciliegeti, mandorleti, uliveti, ecc.), 810 ettari sono di vite e 65 ettari sono destinati a prati e pascoli. Dalle rilevazioni si evince che il 90% delle aziende hanno una superficie compreso tra 1 a 10 ettari. Soltanto due aziende hanno dichiarato oltre 100 ettari di terreni.

Nel Censimento c’è anche il dato relativo agli animali da allevamento. Predominante è il numero di bovini con ben 1082 unità, 41 sono gli equini, 183 gli ovini, 2 caprini e 355 sono le razze di avicoli.

Il Comandante della Polizia Municipale, dott. M. Cassano, ha espresso grande soddisfazione perché  il Censimento è stato condotto dai collaboratori in maniera esemplare grazie alla cooperazione dei cittadini e dei vari sindacati di categoria.

 

Commenti  

 
ceraseta doc
#2 ceraseta doc 2011-03-28 16:20
Beh, dire che il Censimento sia stato svolto esclusivamente dal personale della Polizia Municipale mi sembra un pò troppo! Si sono limitati esclusivamente a consegnare i questionari e a ritirarli! Poi sono stati i cittadini a preoccuparsi sul come compilarli.Non era meglio farlo svolgere a periti agrari e agronomi che avrebbero avuto l'opportunità di conoscere meglio il territorio in cui svolgono la propria professione? ***
Citazione
 
 
bui
#1 bui 2011-03-28 11:38
Soltanto due aziende hanno dichiarato oltre 100 ettari di terreni.
allora ci sono solo due imprese agricole degne di essere chiamate tali
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI