Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

TUTTI PAZZI PER ANDREA MASI. CAMPIONE!

Masi_premio

Il rugby è apparentemente uno sport violento, ma chi lo pratica e chi ha la passione sa bene che è uno sport dove regna il rispetto dell’avversario e dell’arbitro, nonostante i frequenti contatti fisici, talvolta anche forti. E’ una disciplina per uomini duri ed in Italia il rugby è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, malgrado una tradizione meno antica. Per di più quest’anno gli appassionati possono andar fieri del primo italiano che ha vinto il prestigiosissimo premio di Mvp (miglior giocatore) del torneo delle Sei Nazioni, ovvero Andrea Masi. Il giocatore, che compirà trent’anni il prossimo 30 marzo, ha origini turesi, nonostante sia cresciuto all’Aquila. Suo nonno è originario di Turi, e, quando può, viene volentieri a salutare i suoi cari nella cittadina in provincia di Bari. Dopo aver ricevuto il prestigioso premio a Parigi, lo abbiamo contattato telefonicamente per complimentarci con lui e strappargli un’intervista. Vorremmo ringraziare le persone che hanno reso possibile questa intervista, ovvero il nonno di Andrea Masi, Pasquale, e l’amico di famiglia Pierino Cistulli.

Complimenti per il premio come miglior giocatore delle Sei Nazioni. Come ci si sente?

Grazie per i complimenti. Sono felicissimo per questo premio, che mi rende orgoglioso. E’ sicuramente un riconoscimento importantissimo per me, ma lo è anche per il movimento rugbistico nazionale.

Ora sei un punto di riferimento per i ragazzi più giovani che si avvicinano al rugby. Che effetto fa?

E’ sicuramente una grande soddisfazione per me sapere che ci sono giovani che fanno il tifo per me. Spero di non deludere le loro aspettative.

In Italia il movimento rugbistico è in forte crescita. Hai deciso di giocare nel campionato francese, come mai?

In Francia c’è il campionato più bello del mondo. Qui trovi i migliori giocatori del mondo e ci sono tanti campioni. Hai la possibilità di crescere sul piano tecnico e per me è stato molto importante. Ho realizzato uno dei miei sogni giocando in questo campionato.

I tuoi nonni sono di Turi, conosci la cittadina?

Certo che conosco Turi. Sono venuto la scorsa estate.

Ci sono due ragazzi di Turi che giocano a rugby nel Tigri Bari. Hai qualche consiglio da dare?

Non mi sento di dare consigli ai ragazzi. Ognuno deve fare il suo percorso. Mi fa piacere vedere che tanti giovani si stiano avvicinando a questo sport.

Come si fa a diventare un campione come Andrea Masi?

Questo sport richiede tanto sacrificio, tanta umiltà e molto lavoro. E poi non bisogna mai mollare.

Quando tornerai a Turi?

Appena avrò un po’ di tempo libero, farò un salto. E’ sempre un piacere per me venire a Turi, soprattutto per salutare i miei cari.

Commenti  

 
Ruby
#3 Ruby 2011-03-30 22:03
Ragazzi,ho vissto Masi nel torneo delle sei Nazioni,con suo zio Antonio è davvero forte.
Citazione
 
 
sofia senior.
#2 sofia senior. 2011-03-27 20:01
Beh il signor Pierino Cistulli è stato pure lui in gamba nel credere in questo talento italiano col nome turese. Merita il campione una bella accoglienza (pubblica)quando passerà a salutare i parenti turesi. :-) E' indubbiamente un modello di tenacia da indicare ai giovani.
Citazione
 
 
Luigi Zurlo
#1 Luigi Zurlo 2011-03-27 11:09
Complimenti bellissima intervista. Semplice, efficace e soprattutto vera nelle domande e tanto più nelle risposte. Turi, anche se alla lunga riesce sempre a dare buoni frutti:
Andrea Masi "Player of the Championship Award".
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI