Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

SI COSTRUISCE E … SI MANDA IN ROVINA

Campo_sportivo_5

Se una comunità non funziona, non progredisce, siamo contenti di addossare la colpa alla nostra classe politica, sia di maggioranza che di opposizione. Generalmente è così ma ho precisato, nel precedente intervento, che per produrre attività sportiva sono indispensabili tre ingredienti: strutture, competenze e risorse.

Premesso ciò è pur vero che la nostra classe politica dal ‘70 ad oggi, tranne l’eccezione di un delegato allo sport, non ha mai avuto un consigliere comunale con competenze tali da proporre e realizzare progetti a basso profilo economico ma usabili. È pur vero che la classe dirigenziale delle società calcistiche non può certo andare in Paradiso. Il risultato più prestigioso dal ‘70 ad oggi è stato nel 1996 vincendo il campionato di ‘Promozione’, ma il titolo fu venduto alla vicina Conversano per Lire 7milioni.

Perché? Da allora solo tentativi. Addirittura un anno Turi aveva due squadre in terza categoria. È segno di coesione o di separazione? La solita guerra tra poveri. A Turi, purtroppo, non va di moda lo slogan “Lo sport unisce, ma non divide”. Molte volte si sfrutta lo sport per infastidire l’avversario, perché purtroppo tutti mastichiamo di calcio, di pallavolo, di nuoto, di atletica ecc… Viviamo in pianta stabile nel ‘Bar dello Sport’.

In questi giorni, si sente spesso dire: “Stavamo meglio quando stavamo peggio”.

Noi nati negli anni ‘50 siamo i veri promotori del famoso ‘68, quante speranze! Con le nostre filosofie dovevamo cambiare tutto. A Turi vivevamo liberi di pensieri ed azioni. Come dimenticare le interminabili partite di calcio a Largo Pozzi e nella villetta, dove oltre a smarcare l’avversario dovevamo stare attenti al vigile che arrivava con la bicicletta per sequestrare il pallone. A Largo Pozzi la porta era segnata da due pietre e la larghezza era infinita.

E come dimenticare la nascita della pallavolo.

La prima maglietta color blu a maniche corte anche d’inverno. Si giocava sempre a Largo Pozzi (asfalto) e lo spogliatoio era il garage dei genitori di Saverio Chiarappa. La società era denominata Circolo Culturale Turi.

Giovani con tante speranze che tra una alzata, una schiacciata e un sacco di sfottò e risate, sognava il palazzetto dello sport. Il leader della squadra era l’indimenticabile e prematuramente scomparso Michele Resta, per lui il Bari era ‘LA BARI’. Che tempi!!!

Il suo sogno era l’insieme dei nostri sogni. Purtroppo i sogni sono stati spazzati via da un maestrale che ci ha mandati tutti in ‘verticale tesa’. Si è battuto con tutte le sue energie, da consigliere e da assessore comunale, per realizzare il Palazzetto in via Casamassima, ma… ora sorgono appartamenti e villette a schiera. Michele non ha mai visto il PALESTRONE in via Cisterna. Ce ne fossero tra i nostri politici attuali di persone così!

Vi propongo un excursus storico dal ‘70 ad oggi, in merito alle strutture sportive e agli sport praticati a Turi.

STRUTTURE

Anni ‘70: CAMPO DI CALCIO.

Anni ‘80 – ‘90: 2 CAMPI da TENNIS. CALCETTO IN TERRA POLVEROSA. CAMPO POLIVALENTE senza strutture. Pista di atletica in tartan.

Anno 2009: PALAZZETTO DELLO SPORT, PISTA CICLABILE.

Anno 2010: PUNTO SPORT.

ATTIVITÀ

Anni ‘70/’80: CALCIO (campo comunale), campionati di 2^ e 1^ categoria, nascita di una società di puro settore giovanile.

PALLAVOLO (Largo Pozzi. Asfalto con buche): campionati C.S.I. – campionati regionali.

PALLAVOLO (Palestra Scuola Media): nascita dei centri C.A.S. (Centro di Avviamento allo Sport). Promozione in serie C.

BASKET: società C.E.M. Turi, partecipa al campionato di 1^ divisione. Gare sempre in trasferta per mancanza di campo regolamentare. Allenamenti in piazza… Durata un anno.

TENNIS: tornei estivi su un campo privato in via Sammichele ed inaugurazione dei due campi comunali.

Anno 2000: CALCIO A 5 (campo comunale nel 2008/09, struttura privata).

Anno 2010: nascita del settore giovanile (calcio a 5).

Il calcio a 5 o a 7 nasce a Turi nel 1967, lungo la villetta. Gli alberi fungevano da pali e le foglie da traversa. Oggi che gioia vedere i ragazzini giocare nella piazzetta e a Largo Pozzi. Si ritorna al passato? Ma chi sono questi ragazzi?

Quanti a Turi non praticano sport? La scuola come incrementa, con lo sport, la crescita del ragazzo?

Sono argomenti, questi, che affronteremo e approfondiremo in seguito.

Delle attività sopra citate il calcio è entrato negli archivi storici; il settore giovanile e scolastico, terminati gli anni gloriosi di buona e competente gestione, oggi si ferma alla categoria “Esordienti” e poi ‘Arrivederci e Grazie!’.

Il campo non c’è.

Perfetto, si chiede “Asilo Politico!” ai paesi limitrofi, come è stato fatto in precedenza.

Il sacrificio è il pane quotidiano di chi ama i giovani, perché destinare le attività ai bambini dai 6 ai 12 anni? È proprio dopo, nel periodo dell’adolescenza, che il ragazzo ha bisogno dell’aiuto a cinque stelle. Per la crescita psico – fisica, oltre alla famiglia, per formare il futuro cittadino, concorre il mondo esterno, come direbbe Kant, ed esso è composto dalla  scuola e tutto ciò che lo circonda.

È il bambino/ ragazzo giovane, non è nato nel ’50, ma dal 2000 in poi.

Ne sono cambiati di fattori e siamo competenti pedagogicamente e culturalmente per preparare un futuro dove il disagio non deve esistere?

 

Commenti  

 
sofia senior.
#9 sofia senior. 2011-03-11 18:20
siamo alla solita politica "alla turese": io ce lo vedrei benissimo il prof. Marotti come assessore allo sport, perchè conosce tutti i problemi del settore :P Mettiamolo alla prova dei fatti, qual'è il problema, volete un incompetente "delegato allo sport" senza idee e senza sangue elle vene?
Citazione
 
 
fei#3#
#8 fei#3# 2011-03-11 13:01
Giustissimo il concetto di non di fare la guerra tra le discipline sportive, come tra l'altro la mia intenzione.
A riguardo del problema decennale delle strutture sportive a Turi noto con piacere che si sollevano certi problemi solo ed esclusivamente nei dodici mesi pre elezioni comunali. Malignamente ciò è confermato dalla paternalità dei due articoli pubblicati di recente inerenti al campo sportivo. Come dire, siamo alle solite, stesso copione. Tra quindici mesi la situazione sarà identica ma nessuno solleverà il problema. Meditate gente.
Citazione
 
 
dubbioso
#7 dubbioso 2011-03-11 10:21
Analisi esaustiva e accurata. Sembra scritta da un assessore allo sport in pectore!!!!Poi magari Marotti nelle prossime puntate ce lo spiegherà....
Citazione
 
 
SNOOPY
#6 SNOOPY 2011-03-11 09:00
Farsi la guerra tra poveri ossia tra discipline sportive diverse è un grave errore e fa perdere di vista il tema del contendere di N. Marotti. Manca la volontà politica ed è questa che bisogna risvegliare!
Citazione
 
 
Franco
#5 Franco 2011-03-10 20:26
Come mai vi state svegliando ora?
Fino a qualche mese fa ero solo io che mi dedicavo a questo problema pubblicando articoli e fotografie, da qualche giorno vedo che siete in molti a combattere per questo problema: questo mi fa molto piacere, ma mi chiedo perchè solo ora?
E' da molto tempo che lottiamo per avere un semplice campo da gioco ed ogni volta ci vengono fatte delle promesse mai mantenute, perciò incito i giovani che amano il calcio a reagire contro quest'amministrazione totalmente assente
.
Ci faremo sentire il 4 Aprile, quando il Mister Fabio Capello ritirerà il premio "Oronzo Pugliese".
Grazie in anticipo per la vostra collaborazione!
Citazione
 
 
fei#3#
#4 fei#3# 2011-03-10 15:59
egregio moralista comincio col puntualizzare che ho parlato della realtà maschile perchè è quella che lo scorso anno era in B1 ma ciò non toglie il lavoro e l'impegno della realtà femminile. Quindi spegniamo sul nascere eventuali speculazioni relative al patron e main sponsor della società. Il volley in Italia sappiamo tutti che non ha la stessa visibiltà del calcio e questo lo afferma un amante del calcio. Non sono d'accordo a riguardo del paragone ponderale che lei ha fatto tra i due sport per tanti motivi tra cui quello di reperire energie di vitale importanza.
Non è affatto un "tentativo patetico" di osannare il volley.
Citazione
 
 
jorge
#3 jorge 2011-03-10 11:46
se fosse il contrario di certo n saremmo a turi!!!!!! :-*
Citazione
 
 
il moralista
#2 il moralista 2011-03-10 11:06
risponodo a al sig. fei#3, il volley è sport che potremmo definire di nicchia se confrontato con il calcio. lo sviluppo del settore giovanile della società turese è dovuto all'assenza di società di calcio e di strutture che affliggono il nostro paese. quanto al fatto di aver sfiorato la serie A con la maschile, chissà poi perchè non cita la femminile che è agli stessi livelli, mah, un campionato di serie A di volley che non sia l'A1, è paragonabile al campionato Promozione nel calcio, sia per visibilità, che per investimenti. per cui il suo tentativo di osannare il volley locale è alquanto patetico!
Citazione
 
 
fei#3#
#1 fei#3# 2011-03-09 15:53
non dimentichiamo assolutamente i traguardi della società del volley maschile turese; con la B1 (terza serie nazionale) e la disputa dei palyoff per la serie A dello scorso anno si è raggiunto quello che resta per ora il top per Turi. Ma esiste anche un promettente settore giovanile....
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI