CILIEGIE: SECONDO PETRUZZI SARÁ UNA BUONA ANNATA!

ciliegie-gruppo

Finora un mese di febbraio pieno  di sole con temperature alte rispetto alla norma. Ma non allarmiamoci più di tanto. Non si crea nessun problema alle piante dei ciliegi, visto che le notti sono fredde. E, con il bel tempo nel periodo dei vari trattamenti, questi ultimi risulteranno molto efficaci. Come non mai.

Ma che lavori si fanno in questo periodo in campagna? “Per adesso le arature – ci dice Vincenzo Petruzzi della Coldiretti – perché non avendo piovuto, il terreno è asciutto e si preferisce arare. Quindi i trattamenti  per anticipare di qualche giorno la maturazione del prodotto. Fra un mese circa si faranno trattamenti preparatori alla fioritura.”

In questi giorni fioriscono i mandorli, quei pochi alberi di mandorlo ancora rimasti nella campagna turese, “anche se sono in ritardo rispetto all’anno scorso, pur avendo avuto temperature più calde rispetto all’anno precedente e questo a causa del ‘ritardo della luna’ che influisce sulla fioritura.”

Ma si può adesso azzardare una previsione per la prossima annata cerasicola? “Le piante sono ferme, non sono in vegetazione, le gemme stanno chiuse ma io penso ad una annata positiva, anche perché le indispensabili ore di freddo le abbiamo avute con temperature anche sotto lo zero.”

Si intravedono segnali positivi per la nostra agricoltura? “No. Non ne vedo. C’è crisi.” Intanto nascono impianti di albicocchi. “Sono speranzoso e ottimista sulle albicocche e credo andrà bene perché piacciono ai bambini e sono pratiche da mangiare dato che non si sbucciano. Le varietà scelte sono dure, profumate, lavorabili e conservabili.”