Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

ISCRIZIONE BAMBINI: QUALCHE CONSIGLIO

flc_bari

La FLC CGIL intende informare le famiglie di Turi che stanno per iscrivere i propri figli alla prima classe della scuola primaria.

SI CONSIDERA DOVEROSO FAR SAPERE CHE:

  1. Anche quest'anno i genitori dovranno indicare, secondo un ordine di preferenza,  tutti i modelli orari, che sono quello a 24, 27, 30, 40 ore, ma le scuole potranno garantire solo il modello a 27 ore. Le preferenze indicate resteranno soltanto una formalità. Il modello a 30 e 40 ore non potrà essere garantito.
  2. visti i famigerati tagli agli organici imposti dal governo di centrodestra e dal ministro Gelmini, per il prossimo anno scolastico il tempo scuola di 30 ore settimanali non sarà attuabile:  infatti gli organici degli insegnanti  saranno calcolati per coprire il modello delle 27 ore di lezione e non più di 30 (se non per le quarte e quinte classi); il che non è affatto una cosa da poco:
  3. un bambino che avrà frequentato 5 anni di scuola primaria per 27 ore settimanali piuttosto che per 30 si ritroverà con ben 18 settimane di tempo scuola in meno, più di mezzo anno rubato ai suoi ritmi di apprendimento!
  4. ancora più grave il confronto con il modello a 40 ore: in questo caso un bambino che frequenta per 27 ore settimanali, rispetto a un bambino che svolge settimanalmente 40 ore di lezione, perde un periodo di formazione pari a 13 ore settimanali che, per 33 settimane annue,  equivale a 369 ore in un anno ovvero 1.845 ore nel quinquennio (complessivamente  un anno e mezzo di scuola rubato ai suoi ritmi di apprendimento nel quinquennio!!);
  5. Con meno insegnanti,con classi più numerose, con meno tempo scuola sarà sempre più difficile portare avanti una didattica di qualità. Quali soluzioni potrebbero risultare determinanti per salvaguardare un’adeguata qualità dell'apprendimento?

LA FLC CGIL BARI CHIEDE ALLE FAMIGLIE DI:

  1. esprimere con chiarezza e senza esitazioni solo ed esclusivamente la scelte dei modelli orari basati sulle 40 e sulle 30  ore rifiutandosi categoricamente di indicare altre preferenze;
  2. attivarsi sin da ora con  gli Enti locali (Sindaci e giunte comunali) affinché garantiscano il necessario sostegno ai bisogni espressi dalle Scuole soprattutto per l’attivazione del tempo pieno; anche la FLC CGIL di Bari, farà la sua parte invitando le proprie strutture comunali a richiedere tavoli comunali di concertazione;
  3. invitare anche i Dirigenti Scolastici a persistere in tali richieste al Sindaco, come indicato, il 14 gennaio u.s., proprio dal Dirigente dell’ambito territoriale di Bari dott. Giovanni Lacoppola.

FLC CGIL

Delegato territoriale

Filippo Losacco

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI