Domenica 11 Aprile 2021
   
Text Size

ARRESTATA INTERA FAMIGLIA: BANCONOTE FALSE DA 20

Una "banda a conduzione familiare". Così l'hanno definita i carabinieri di Turi e Acquaviva delle Fonti che ieri hanno arrestato quattro persone e sequestrato 191 banconote false da 20 euro. I componenti, tutti incensurati, sono i fratelli M.G., 30enne, G.G., 37enne; la madre R.T., 62enne; V.V., 21enne fidanzata del più giovane dei fratelli. Per tutti l'accusa è di detenzione e spendita di banconote false in concorso. Con 5mila euro "genuini" il gruppo era in grado di procurarsi 30mila euro di denaro falso.
L'indagine è nata su segnalazione di un esercente del luogo che ha avvertito i carabinieri dopo che un uomo e due donne, a bordo di una Mercedes nera, avevano effettuato degli acquisti pagando con una banconota da 20 euro falsa. L'auto è stata rintracciata e fermata in pieno centro. Nella perquisizione, i militari hanno trovato, oltre a derrate alimentari e altro materiale acquistato in alcuni esercizi commerciali di Turi e Acquaviva delle Fonti, altre banconote false. Il quarto complice è stato indentificato poco dopo nella sua abitazione, dove sono state trovate altre 32 banconote dello stesso taglio.
Gli inquirenti stanno esaminando il materiale e i registri delle quattro persone arrestate che riportavano la suddivisione del denaro. Il rapporto di cambio degli euro falsi con quelli autentici era di 1 a 6. Sono in corso indagini per ricostruire il giro d'affari del quartetto, così come si indaga per risalire ai canali di approvvigionamento e ad eventuali complici.


Madre, due figli e la fidanzata di uno di questi, in tutto quattro persone, sono state arrestate dai carabinieri di Turi (Ba) per spendita di banconote false. A farli scoprire, un commerciante vittima della «banda», che ha avvisato i militari, segnalando l’auto a bordo della quale si erano allontanati i malfattori dopo aver pagato con una banconota falsa da 20 euro.
I carabinieri hanno così rintracciato la vettura, a bordo della quale hanno trovato molta merce acquistata in alcuni esercizi commerciali di Turi e Acquaviva delle Fonti, nonchè altre banconote, tutte rigorosamente da 20 euro e false.
I quattro, tutti incensurati, sono stati rinchiusi nel carcere di Bari.


Una “banda a conduzione familiare”, composta da quattro persone, dedita alla spendita di banconote false è stata sgominata nella serata di ieri dai Carabinieri della Stazione di Turi, in collaborazione con quelli di Acquaviva delle Fonti.
Il tutto è nato dalla segnalazione di un esercente del luogo che, telefonando al “112”, ha segnalato gli occupanti, un uomo e due donne, di una Mercedes di colore nero che, dopo aver effettuato degli acquisti, avevano pagato con una banconota da 20 euro falsa. Le conseguenti – immediate- attività di ricerca hanno permesso di intercettare, la Mercedes segnalata, fermandola in pieno centro. I militari rinvenivano così nell’auto parecchie derrate alimentari ed altro materiale, acquistato poco prima in alcuni esercizi commerciali nei Comuni di Turi e Acquaviva delle Fonti, nonchè altre banconote, tutte rigorosamente da 20 euro e false. Successivamente, le indagini hanno portato ad identificare il quarto complice che, raggiunto presso l’abitazione di residenza e vistosi smascherato, ha consegnato agli operanti ulteriori 32 banconote false dello stesso taglio, per un totale di ben 191 banconote.  I componenti della banda, i fratelli M.G., 30enne, G.G., 37enne; la madre dei predetti R.T., 62enne; V.V., 21enne fidanzata del più giovane dei fratelli; tutti incensurati, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Bari e dovranno ora rispondere di detenzione e spendita di banconote false in concorso.
E’ al vaglio degli inquirenti il materiale ritenuto interessante per il prosieguo dell’attività, in particolare, oltre ai registri che riportavano la suddivisione tra i quattro del danaro falso, si è avuto modo di determinare il rapporto di “cambio” degli euro falsi con quelli autentici, in particolare: con 5.000 euro “genuini” era possibile acquistare 30.000 euro di banconote “false”, con un rapporto di 1 a 6. Le indagini, tuttora in corso, sono finalizzate a ricostruire il giro d’affari del quartetto oltre che delle ignare vittime nonchè risalire ai canali di approvvigionamento del materiale falso ed eventuali complici degli arrestati.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.