Domenica 17 Novembre 2019
   
Text Size

I RAGAZZI DELLE TERZE MEDIE DA BERLUSCONI

800px-piazza_del_campidoglio.jpg

Ieri mattina un folto gruppo di alunni delle classi terze della scuola Media “R. Resta” di Turi, capeggiati dal preside Francesco Filomena, e dai professoriMercieri, Antonio e Lufrano, si sono recati a Roma per portare a compimento il prodetto sull’educazione alla legalità Aldo Moro. Durante la visita presso il Quirinale e il Campidoglio, rispettivamente residenza del Presidente della Repubblica e sede del Senato, le scolaresche hanno potuto incontrare di persona il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Come sappiamo, questi sono giorni di trambusto a Roma per la stesura dei nuovi Ministeri. Sapendo che la scolaresca veniva dalla Puglia, Berlusconi ha accennato al ruolo che Raffaele Fitto avrà nel governo: già governatore della Puglia, sarà ministro per gli Affari Regionali. Nel corso della gita a Roma sono stati accolti anche nel ‘parlamentino” di Palazzo Grazioli dal premier in pectore e leader del Pdl. Giunti a Via del Plebiscito, i ragazzi della scuola pugliese hanno riconosciuto la residenza di Berlusconi ed hanno iniziato ad intonare un coro «Silvio, Silvio». Dopo i risultati elettorali ottenuti a Turi, il coro ci stava tutto! Poco dopo, Berlusca è sceso ed ha accolto la scolaresca nella stanza fatta costruire qualche anno fa per accogliere i deputati e senatori di Forza Italia. Egli ha regalato agli alunni un cd dal titolo “Silvio karaoke” ed una foto ricordo che dedica. Il premier in pectore ha anche chiacchierato con gli alunni invitandoli a leggere “Il libro nero sul comunismò”, sostenendo che il comunismo non ha ancora cessato di esistere. Ma è proprio una fissa la sua! Berlusconi ha infine fatto breve cenno a proposito del Milan confermando che il mancato acquisto dell’asso del Barcellona Ronaldinho non è un dramma visto che non era indispensabile per l’organico rossonero. Ricorda la sua discesa in campo, e mette in guarda dal 'pericolo' comunista ancora in agguato. Speriamo non siano tornati sani e salvi dopo quei cori. Insomma, una esperienza difficile da dimenticare, che ha segnato una tappa importante nel percorso formativo e di crescita personale di tutti gli alunni partecipanti. Non tutti, infatti, hanno potuto prendervi parte poiché il Comune non ha potuto finanziare le spese del viaggio.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.