Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

OLIVE 2010: ANNATA COSì COSì, MA BUONE PROSPETTIVE

olivo

Siamo in piena annata olivicola. Peccato che le notizie che provengono dalla campagna non sono positive. La produzione è inferiore a quella dell’anno scorso, la qualità è appena sufficiente, visto il numero esagerato di olive verminose che però sono cadute e non vengono raccolte, rimanendo così sugli alberi solo quelle sane. Anche la produzione dell’olio ovviamente subirà un calo.

Il prezzo è attualmente intorno ai 32-35 euro il quintale ma, secondo Vincenzo Petruzzi della Coldiretti, si prospetta un aumento fra qualche settimana. E questo perché, proprio in questi giorni, un accordo è stato siglato a Bari tra la Unaprol (consorzio olivicolo italiano che nasce nel 1966 e associa 74 organizzazioni dei produttori locali con lo scopo di valorizzare nel mondo un prodotto made in Italy) e la Mataluni oleifici. Un’intesa che fa da cornice ad una ripresa dei consumi di olio.

Porteremo l’olio in questa struttura e lo commercializzeranno come extravergine italiano. Dalla Puglia partirà tanto olio verso questa struttura, con una giusta remunerazione per i produttori.

La congruità del prezzo sarà individuata e concordata congiuntamente tra i produttori di Unaprol e il gruppo Mataluni che riconoscerà una premialità ai produttori in funzione dell’andamento del mercato e dei risultati di gestione.

Ultimissime dal mondo agricolo. Il 15 novembre 2010 c’è stata la stabilizzazione delle agevolazioni contributive per le imprese agricole e delle agevolazioni fiscali per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli che acquistano terreni agricoli.

Infine, abrogazioni degli aumenti per l’assicurazione generale obbligatoria per lavoratori dipendenti autonomi e coltivatori.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI