Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

SCUOLABUS: ASSEGNAZIONI CHE FANNO DISCUTERE

scuolabus

Continua a suscitare numerose controversie l’argomento riguardante lo scuolabus e l’assegnazione del servizio a pochi bambini residenti a Turi. È da circa 3 anni che il servizio di accompagnamento degli studenti ai plessi scolastici ha fatto sorgere discussioni per la sua ridotta presenza, considerata necessaria per numerose famiglie del nostro paese. Ricordiamo che di fronte alla perdita della seconda vettura, infatti, l’Amministrazione comunale ha deliberato di assegnare il servizio svolto da un solo bus alle famiglie che abitano nelle zone più periferiche del comune o comunque in campagna, impossibilitati quindi a raggiungere gli istituti scolastici a piedi dalle proprie abitazioni. In passato, però, tale prestazione era usufruita anche dalle famiglie che abitavano alla periferia del centro abitato o comunque lontane dalla scuola elementare e media. Il disagio recato per queste famiglie, come tutti possono immaginare, è notevole, perché costrette a dover ritardare o modificare le proprie abitudini lavorative per accompagnare i figli a scuola con i propri veicoli. Bambini piccoli ed appesantiti dagli zaini, nonostante abitino in paese non possono raggiungere da soli la scuola e per loro risulta necessaria la figura di un adulto che li accompagni. Oramai la situazione è divenuta intollerabile per molti genitori che, stanchi della situazione e desiderosi di ottenere repentine risposte, lanciano appelli affinché  si faccia qualcosa a riguardo.

Vi proponiamo, integralmente la lettera che un genitore ha esposto al Comune e per la quale attende presto soluzione.



ALLA  CORTESE  ATTENZIONE DEL

  • l   N.H. DOTT. GIGANTELLI SINDACO DEL COMUNE DI TURI,
e   P. C. 
  • l   UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI TURI
  • l   UFFICIO  AFFARI SOCIALI ED ISTITUZIONALI

DEL COMUNE DI TURI.

OGGETTO: ESPOSTO CONTRO IL METODO DI ASSEGNAZIONE PER LA FRUIZIONE

DEI  POSTI SCUOLABUS ANNO 2010-2011

Il sottoscritto  ***  residente in 1^ trav. Sn. Strada noci ***, genitore

dell'alunn*** esclusa dal servizio ed in riserva,

rende noto

al  Sig. sindaco Dott. Gigantelli che, a parere dello scrivente è stato usato

un criterio sbagliato per la misurazione della distanza dalla scuola per

determinare tale assegnazione.

Faccio presente che in mattinata odierna ho già avuto un cordiale

colloquio con il capo settore tecnico (dott. Ing. Campobasso)  il quale,

molto cordialmente mi ha illustrato che, il criterio usato per l'assegnazione

è la distanza in linea d'aria e non  quella della distanza da percorrere

materialmente ( in termini chilometrici) per raggiungere la scuola.

Pertanto, chiedo cortesemente a lei di intervenire e far rivedere tale

metodo, in quanto, non è giusto che, chi magari in linea d'aria risulta

essere più vicino poi debba percorrere più strada a piede rispetto a chi  in

linea d'aria è più vicino ma, percorre materialmente meno strada.

Nel ringraziarvi per la collaborazione  Vi porgo cordiali saluti e resto  in attesa di eventuali vostre comunicazioni o di un riscontro.

Turi lì 28-09-10

Commenti  

 
Gianni L.
#2 Gianni L. 2010-10-01 20:29
Le conseguenze delle sciagurate scelte di questa amministrazione. ***
Citazione
 
 
michi
#1 michi 2010-10-01 19:59
grazie per la pubblicazione, cmq volevo tenervi informati che ad oggi non ho ancora avuto risposta in merito dal nostro primo cittadino( se cosi lo possiamo chiamare).
ps volevo ancora dirvi che gli amministratori hanno deciso di effettuare un sorteggio tra 4 bambini per solo 3 posti che secondo loro hanno gli stessi requisiti poichè abitano allo stesso nr civico,
però per me che risiedo circa un metro in linea d'aria più vicino rispetto a loro non c'è nulla da fare. allora mi chiedo non è più giusto effettuare il sorteggio tra tutti i bambini che risiedono al nr civico 7(scala A) e qulli al nr 17(scalaB) visto che si tratta della stessa strada?
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI