Domenica 11 Aprile 2021
   
Text Size

AREA EX OSPEDALE, COME VERRA' RIQUALIFICATA

ospedale

Il Consiglio comunale ha ratificato l’Accordo “per la realizzazione del Programma Integrato di Riqualificazione delle Periferie del Comune di Turi”, sottoscritto tra Regione e Comune lo scorso 5 Agosto.

Tale percorso sembra giungere al suo completamento da quando, il 1 marzo 2007, il Comune di Turi aderì al bando della Regione Puglia per accedere ai finanziamenti stanziati con la LR n.20/05, per selezionare proposte comunali finalizzate alla rigenerazione delle periferie urbane, alla riqualificazione dell’ambiente costruito (attraverso il risanamento del patrimonio edilizio e degli spazi pubblici), alla riorganizzazione dell’assetto urbanistico (attraverso il recupero e/o la realizzazione delle urbanizzazioni primarie e secondarie), al miglioramento della qualità ambientale, alla promozione dell’occupazione e dell’iniziativa imprenditoriale locale ed al contrasto dell’esclusione sociale (PIRP).

L’area soggetta alla riqualificazione, quale quella dell’ex Ospedale, secondo quanto definito nel nuovo PIRP,  prevede un atto di demolizione della fatiscente struttura con la realizzazione di un’ampia zona a verde e la localizzazione in parte dell’area non interessata da problemi idrogeologici, di alloggi di edilizia sovvenzionata. Gli alloggi previsti nel PIRP saranno destinati a giovani coppie ed anziani soli che si trovano in particolari condizioni. Per il Sindaco, come dichiarato in Consiglio Comunale, la demolizione dell’ex Ospedale renderà totalmente libera un’area di grandissima dimensione, che di conseguenza dovrà essere organizzata in maniera tale da garantirne l’effettiva fruibilità.

Un progetto, quello della riqualificazione dell’ex ospedale, che, come non ha mancato di sottolineare la consigliera Resta, è nato con l’obiettivo di rinnovamento di un’ampia area del territorio comunale che comprendeva interventi quali la realizzazione di una più lunga pista ciclabile, la riqualificazione dell’ex mattatoio di Via Cisterna, nonché la RSA a cura del privato. Tutti interventi comunque miranti ad un adeguamento non soltanto urbanistico, ma anche sociale e culturale della zona che, purtroppo, si è dovuta ridimensionare.

La minoranza ha mostrato le proprie perplessità circa la successiva gestione di una così ampia area a verde, dato che il comune presenta già difficoltà nella gestione delle manutenzioni ordinarie.

Sentori positivi sono stati esposti dall’assessore D’Autilia che ha ribattuto sull’unità e sull’impegno di tutti per poter far crescere il paese e rendere questo nuovo “polmone verde” un sito importante per l’intera comunità turese.

Commenti  

 
nick
#9 nick 2010-09-12 01:24
a turi ci sono vincoli di inedificabilita`?hanno costruito ovunque...chiudendo strade,riempiendo le grotte sottostanti etc...addirittura hanno costruito case e poi hanno cercato strade per arrivarci....l`ospedale stesso e` simbolo che a turi si fa quel che si vuole se si hanno i soldi...quella struttura e` il nostro punta perotti...e`la statua della liberta`che chiunque osserva da decenni entrando a turi.io potrei anche essere ignorante ma i risultati delle persone colte a turi li vedono tutti...il tempo vedremo a chi dara` ragione...pero` tutto quel terreno e` stato verde per tanti anni..se ora si muove qualcosa non e` certo per restare verde..
Citazione
 
 
Pep
#8 Pep 2010-09-11 19:30
Il rammarico è solo di chi sperava (finalmente) nella zona PIP, perchè nei mesi scorsi se n'era parlato.
Anzichè creare delle pseudo-zone verdi (che fanno pena), si pensi a dei parchi come quello di Noicattaro (con chiosco, recinti con vari animali, campetti, piste per footing, cinema per bambini) oppure, volando con la fantasia, quello di Bari in largo 2 Giugno. Un progetto così sarebbe davvero grandioso: un bella zona di verde, dove chi vuole stare in santa pace può farlo, oltre ad essere un bel sito per organizzare delle attività di ogni genere. Il problema da affrontare realmente è la disponibilità del turese: tutti si lamentano dell'assenza di zone-verdi, tanto da ***(?), ma alla fine il primo che non le utilizza è proprio lui. Che fine faranno queste aree? Verranno abbandonate ancora una volta al loro destino? Oppure saranno snobbate con la solita scusa: "lì ci vanno i drogati"?.
Citazione
 
 
MURATORE
#7 MURATORE 2010-09-10 22:32
CARO NICK,
A QUANTO PARE, ANCHE TU HAI COMPRESO POCO O NULLA...DELL'INTERA FACCENDA.
TRANNE L'INTERVENTO PREVISTO DELL'EDILIZIA SOVVENZIONATA IN QUELLA ZONA NON SARA' POSSIBILE FARE NESSUN MEGA AFFARE... MA SARA' ZONA VERDE E QUINDI RIQUALIFICATA E PER IL RESTO C'E' UN VINCOLO DI INEDIFICABILITA'.
Citazione
 
 
nick
#6 nick 2010-09-09 21:54
io li` ci vedo tra qualche anno un bel quartiere abitato...avanti le offerte dei costruttori per questo mega affare...
Citazione
 
 
verissimo
#5 verissimo 2010-09-09 02:01
quelli in carica vigilano molto di più, anzi non fanno altro!
Citazione
 
 
MURATORE
#4 MURATORE 2010-09-08 23:40
CARO GIUSTO, L'EDILIZIA CONVENZIONATA E' QUELLA DI CUI VOLEVA FRUIRE QUALCHE EX ASSESSORE.
L'EDILIZIA SOVVENZIONATA E' TUTT'ALTRA COSA!
DOCUMENTATI PRIMA DI...
Citazione
 
 
Francesco Lerede
#3 Francesco Lerede 2010-09-08 17:21
a mio avviso sono soldi buttati: aggiustassero le case popolari che vanno cadendo...
Citazione
 
 
vero
#2 vero 2010-09-08 16:19
ci sono gli ex assessori che vigilano
Citazione
 
 
giusto
#1 giusto 2010-09-08 15:46
si spera che l'edilizia convenzionata sia rispettata stavolta visto che a turi vige si usa vendere appartamenti in edilizia convenzionata allo stesso prezzo di quella privata e senza mettere l'acquirente a conoscenza del vincolo di non vendita per 5 anni...colpa questa un po dei costruttori e un po di alcune agenzie immobiliari che hanno fatto la loro ricchezza da questo....
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.