Domenica 11 Aprile 2021
   
Text Size

AREA GIOCHI DI PIAZZA VENUSIO: DISASTROSA!

piazza_venusio_6

In seguito alla pubblicazione dell’articolo di denuncia delle condizioni dell’area giochi della Villa Comunale, un nostro attento lettore ci ha segnalato un identico, per non dire peggiore, problema che riguarda lo spazio giochi di piazza Venusio.

Prima di parlare, vi mostriamo le immagini raccolte.


Una situazione a dir poco disastrosa: pavimentazione saltata in diversi punti, illuminazione ormai in maggior parte inesistente e giostre danneggiate.

Una mancanza di cura non solo dei suoi frequentatori, ma soprattutto di coloro che dovrebbero vigilare sulle condizioni degli spazi pubblici. “L'amministrazione dovrebbe - incalza il nostro lettore – prendere i dovuti provvedimenti e ripristinare sia l'illuminazione che i vari giochi”.

Visibili sono la mancanza di alcuni gradini della scala che porta allo scivolo, come ci fa notare un papà preoccupato per i propri figli. “È un grande pericolo per i piccoli che vi salgono” - afferma. La pavimentazione, inoltre, in alcuni punti appare vistosamente danneggiata: parti che mancano del tutto e sezioni sopraelevate o eccessivamente consumate. Grande attenzione è inoltre da rivolgere alla lastra d’acciaio sulla quale scivolano i bambini. Come si evince dalle immagini, questa è staccata e ogni volta che un piccolo si appoggia e scende, sembra schiodarsi maggiormente dalla struttura col rischio che qualcuno, giocando, possa seriamente farsi male. La stessa lastra, ai margini, risulta tagliente ed è quindi un reale rischio per chiunque, non solo per chi vi gioca. I bambini, mossi dalla loro innata curiosità, non perdono occasione per vedere fino a che punto questa lastra si stacca. È infatti uno di loro che ci fa notare l’ampiezza dell’apertura.

Tutti i genitori i cui figli usufruiscono degli spazi di piazza Venusio richiedono un rapido intervento per ripristinare una situazione che ormai è divenuta disastrosa. Non più sicuri del luogo pubblico dove portare i propri bambini a divertirsi, preferiscono impedire loro di giocare in queste aree divenute pericolose.

Commenti  

 
sofia senior
#5 sofia senior 2010-08-26 11:08
Quando giocavamo per strada "al pallone" i vigili urbani ci sequestravano il pallone, che riconsegnavano al genitore che... MAZZ e PANELLE... Ma i vigili giravano in bici, eccome se giravano... ***
Citazione
 
 
osservatore
#4 osservatore 2010-08-25 19:20
A mio avviso ci sono tutti gli estremi per far interessare i Carabinieri e sopratutto *** la Polizia Municipale di Turi.
Citazione
 
 
Giuda!!
#3 Giuda!! 2010-08-25 19:04
Questo degrado bisogna farlo notare a genitori poco curanti dei propri figli...a genitori strafottenti che non sanno richiamarli all'attenzione.. pur vedendoli maltrattare cose che servono non solo a loro ma ad una intera comunità, bisogna beccarli e fargli pagare tutto quello che rompono compreso di lampioni,...bisogna che impartiscano loro l'educazione di condividere e l'amicizia e giochi e in questo caso giostrine....sopratutto il rispetto per l'ambiente e quello che lo concerne:sad::sad::sad::sad::cry::cry::cry:........... l'amministrazione... non è BABBONATALE!!!!;-);-);-) bisogna fare i buoni anche se così fosse;-);-);-);-);-)
Citazione
 
 
sofia senior
#2 sofia senior 2010-08-25 17:22
Cinzia, quando puoi recati in via Castellana all'ex cimitero dei colerosi :-* questa si chiama normale manutenzione, non si aspettano faraonici appalti, bisogna dire ai cittadini.
Citazione
 
 
valeria pietrini
#1 valeria pietrini 2010-08-25 16:50
sono d'accordo sul degrado ..ma l'illuminazione c'è perchè dopo la continua rottura dei lampioni hanno messo dei pali altissimi con fari...
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.